Crostata alla melagrana

Confesso che il progetto iniziale prevedeva di realizzare delle tartellette, purtroppo ho avuto dei problemi nel realizzare i gusci e quindi ho ripiegato su una più tradizionale crostata, ma il mio consiglio è, se avete gli stampi piccoli da pasticceria, di fare la ricetta in versione mignon e credetemi avrete un dessert davvero speciale!
In ogni caso, nonostante gli inghippi, il risultato è davvero spettacolare e molto scenografico e credo sarà una piacevole proposta per un finepasto!
La ricetta della crema è quella speciale di Giulio, se seguirete bene tutti i passaggi otterrete una crema liscia, lucida e senza nessun grumo, oltreché buonissima!

Seguiteci sia su Facebook! Tagliatelle a Colazione che su Instagram! tac_tagliatelleacolazione

Crostata melagrana 2

Tempo di preparazione: si veda nei vari passaggi – Difficoltà: media

Ingredienti per uno stampo da 24 cm:
Per la frolla:
350 g di farina 00 + farina al bisogno;
120 g di burro;
150 g di zucchero;
2 uova;
1 pizzico di sale

Per la crema:
80-100 ml di sciroppo alla melagrana;
500 ml di latte;
60 g di zucchero;
2 tuorli + 1 uovo intero;
50 g di amido di mais;
40 g di burro;
Buccia di mezzo limone

Per decorare:
Chicchi di melagrana freschi

Preparazione:
Preparate la frolla impastando il burro ben freddo tagliato a dadini, la farina, le uova e lo zucchero, e il pizzico di sale, fino a ottenere una palla liscia, omogenea e che non appiccica, occorreranno circa 15 minuti. Fate riposare la base avvolta nella pellicola in frigo per un’oretta.
Trascorsa l’ora, estraete la base e stendetela dello spessore di circa 4 mm, in forma circolare, stendetela quindi nello stampo da crostata. Bucherellate il fondo, coprite con un foglio di carta forno e distribuite sul foglio dei legumi secchi o dei grani per la cottura in cieco.
Cuocete quindi la base per 20-25 minuti a 200° in modalità statica.
Fatela quindi raffreddare completamente, anche per tutta la notte.
Nel frattempo preparate la crema pasticcera: portate il latte con la buccia di limone a ebollizione in un pentolino per qualche secondo, mettete quindi da parte e fate intiepidire.
Quando è tiepido, occorreranno circa 20-30 minuti, sbattete i tuorli e l’uovo con lo zucchero, meglio con una frusta elettrica, fino a eliminare tutti i granelli di zucchero, aggiungete quindi l’amido di mais setacciato e continuate a mescolare il tutto per evitare la formazione di grumi. Aggiungete quindi il latte tiepido finché non si sarà tutto amalgamato.
Rimettete il liquido così ottenuto sul fuoco e fate addensare, mescolando con una frusta. Quando comincia ad addensarsi ma è ancora abbastanza liquida aggiungete lo sciroppo di melagrana.
Noi abbiamo fatto lo sciroppo di melagrana fatto in casa, con 500 ml di succo di melagrana fresca filtrato e 400 g di zucchero, facendo addensare e bollire per circa un’ora e un quarto, ma forse lo potrete reperire negli alimentari più forniti.
Lo sciroppo alla melagrana darà un sapore piacevolmente aspro e caramelloso alla crema.

sciroppo melograno

Proseguite la cottura finché non comincerà a fare delle bolle da ebollizione, continuando ovviamente a mescolare con la frusta per non formare grumi.
Quando la crema è pronta versatela in una ciotola, meglio se di vetro che disperde più efficacemente il calore, e continuando a mescolare aggiungete il burro fino a completo scioglimento. A questo punto potete eliminare le bucce di limone.
Lasciate intiepidire la crema e quando è a temperatura ambiente copritela con pellicola trasparente a contatto e conservatela in frigo fino al momento di assemblare la torta.
Ora che le due preparazioni di base sono pronte, potete comporre il dolce. Prima però, per assicurarvi che la crema sia perfetta, frullatela per qualche secondo con un frullatore a immersione finché non torna morbida e vellutata.
Stendete quindi la crema dentro il guscio di frolla e rimettete il tutto in frigorifero per un paio d’ore prima di servire, in modo da dare il tempo alla crema di rassodarsi di nuovo, avendo cura di coprirla con pellicola o alluminio.
Poco prima di servire decorate la crostata con chicchi di melagrana freschi, in modo che non perdano consistenza e brillantezza.
La torta si conserva in frigo per 2-3 giorni coperta con la pellicola.
Un dolce sontuoso, dai colori stupendi e dal sapore speciale, per ogni volta che volete regalarvi un momento di dolcezza!

Seguiteci sia su Facebook! Tagliatelle a Colazione che su Instagram! tac_tagliatelleacolazione

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...