Pappa al pomodoro (a modo mio)

La pappa al pomodoro è un notissimo piatto della tradizione toscana, più nello specifico di Firenze.
Divenuto celebre grazie al Giornalino di Gianburrasca e sucessivamente a una canzone di Rita Pavone, trae le sue origini da ingredienti semplici e contadini, ma non per questo è un piatto “povero” di gusto, anzi, è molto saporito e facile da preparare.
Purtroppo non ho avuto occasione di provarlo in una trattoria toscana doc, ma solo qui a Bologna, ed è molto probabile che la mia ricetta venga meno alla tradizione, ma come sempre ho spulciato molte ricette per ottenere una versione che fosse per me attendibile (ma soprattutto facile da rifare!).
Vi rimando quindi a quella di Sale e Pepe, da cui ho preso parziale ispirazione!

Seguiteci sia su Facebook! Tagliatelle a Colazione che su Instagram! tac_tagliatelleacolazione

Pappa al pomodoro 1

Tempo di preparazione: 30 minuti + 1-1,30 ora di cottura – Difficoltà: Facile

Ingredienti per 4 persone:
250-300 g di pane toscano raffermo;
1 kg di pomodori rossi maturi;
500 ml di passata di pomodoro;
1 lt di brodo;
2 spicchi d’aglio;
1 cipolla;
1 peperoncino secco;
Olio d’oliva;
Basilico abbondante;
Sale e pepe

Preparazione:
Come forse saprete non sono una persona paziente! Di conseguenza non vi dirò di sbollentare i pomodori, privarli della pelle e levare i semi…io non l’ho fatto e ho trovato un sistema più veloce e pratico: tagliate i pomodori a pezzi, frullateli bene con un frullatore a immersione e filtrate il succo così ottenuto con un colino, in modo da rimuovere il maggior numero di semi e pellicine possibili.
In una pentola scaldate abbondante olio d’oliva e fate rosolare una cipolla tritata finemente, 1 peperoncino secco sminuzzato e due spicchi d’aglio grattugiati, finché non si inteneriscono.
Versate quindi il succo filtrato dei pomodori e la passata di pomodoro e aggiustate con una presa di sale. Fate insaporire il tutto e restringere per 7-8 minuti, dopodiché aggiungete il pane raffermo precedentemente tagliato a cubetti e mezzo litro di brodo.
Mescolate bene e fate in modo che il pane sia ben immerso nel sugo, dopodiché, quando ha preso a bollire, fate andare la cottura a fiamma medio-bassa per circa 15 minuti.
Trascorsi i primi 15 minuti aggiungete il restante brodo, abbondanti foglie di basilico e mescolate nuovamente, lasciate poi cuocere ancora 15 minuti.
A questo punto dovrebbe formarsi una pellicola in superficie, rimuovetela delicatamente, mescolate poco e proseguite ancora la cottura a fiamma medio bassa. Tradizionalmente dovreste ottenere e rimuovere 7 veli, prima che la pappa al pomodoro sia pronta.
Se però non volete essere così fiscali, credo che altri 2 veli siano sufficienti: è pronta quando si è ben addensata e il pane praticamente sfatto (circa dopo un’ora di cottura).
A fine cottura potete aggiungere altre foglie di basilico, salare e pepare se necessario.
La pappa al pomodoro dà il suo massimo quando ha riposato per qualche ora nella pentola, può essere servita sia tiepida che a temperatura ambiente, per questo è un piatto ottimo anche in estate, servita con un giro d’olio d’oliva, una macinata di pepe e gustato con una fetta di pane fresco!
Io l’ho trovata davvero squisita ed anche molto comoda da preparare per riciclare gli avanzi di pane!

Seguiteci sia su Facebook! Tagliatelle a Colazione che su Instagram! tac_tagliatelleacolazione

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...